fbpx

Il decalogo delle bugie sullo storytelling | Parte 1

bugie sullo storytelling

Il decalogo delle bugie sullo storytelling | Parte 1

Mentre questo mese sul gruppo Facebook Lampadine ragioniamo sulle bugie che si raccontano quando si parla di ispirazioni, oggi (e la prossima settimana) vorrei parlarti di altre bugie: quelle che circolano nell’ambito dello storytelling.

Sei pronta per un viaggio tra “ricette sicure per far decollare la tua comunicazione” e “basta che se ne parli”?

Dai, allaccia le cinture che si parte.

 

1. Punta tutto sui video

Ok, adesso sicuramente è il loro momento d’oro e gli algoritmi social (in particolare Facebook) li valorizzano, ma non li prescrive il medico e non è detto che debbano diventare il “nostro” format di racconto.

Se quello che sentiamo più nostro sono le parole, continuiamo a raccontarci (prevalentemente) con quelle, magari gestendo al meglio il nostro blog.

 

2. Falli piangere

“Non accontentarti di farli emozionare, fai in modo che vogliano consolarti”: ehi, calma. Ok l’empatia, ma raccontarsi e coinvolgere il pubblico non vuol dire necessariamente giocare alla lacrima facile.

Non svalutiamo le nostre emozioni, dai.

 

3. Racconta tutto

Questa bugia si collega un po’ a quella di prima: non tenere niente per te, fai entrare il tuo pubblico in ogni angolo della tua vita. È storytelling, non un reality, baby: poi ognuno trova i propri confini ma personalmente a me piace proteggere i miei spazi privati.

 

4. Un contenuto al giorno, prima dei pasti

Cinque post a settimana, una newsletter al mese, tre stories al giorno a stomaco vuoto: occhio a chi ti dà le ricette di narrazione perfetta, ogni storytelling va pensato e cucito su misura, le “soluzioni sicure” sono sempre supercazzole.

 

5. Viva la spontaneità

Ah certo: pubblica quando ne hai voglia, parla di un argomento perché 30 secondi prima ti è venuto in mente. Il marketing e la comunicazione hanno bisogno di strategie e pianificazione.

Questo vuol dire che non puoi mai essere spontanea? Certo che no, ma un conto è esserlo come attitudine, come “freschezza del racconto”, un altro è basare sulla spontaneità tutta la propria comunicazione (spoiler: è pericolosissimo!).

 

A proposito, di pianificazione: se quando devi trovare nuovi argomenti per raccontarti vai in ansia perché non sai cosa dire, fai fatica a trovare idee e contenuti da condividere, respira e sorridi, è tornato Jellyfish.

Jellyfish è il corso online in cui lavoriamo fianco a fianco per far fiorire il tuo pensiero creativo: ti insegnerò le tecniche e gli strumenti che uso quando devo trovare spunti e trasformarli in idee per la mia comunicazione, e per tutto il mese sarò lì per te, per qualsiasi domanda o timore.

Sarà un mese di lavoro intenso e di produzione di idee fitta e bellissima.

Che fai, prendi coraggio e ti tuffi con me?

 

Intanto ciao, ci vediamo la prossima settimana con le altre bugie.

 

(foto Remi Muller on Unsplash)

 

Per condividere l’articolo su Pinterest, clicca sull’icona rossa che trovi sotto le grafiche e scegli l’immagine che preferisci: 

le basi della comunicazione professionalefondamenta dello storytellingleggende  metropolitane sullo storytelling