fbpx

Elementi di Seo copywriting: consigli per una scrittura efficace

Elementi di Seo copywriting: consigli per una scrittura efficace

Prima di arrivare ai consigli pratici di scrittura, cominciamo con due premesse.

 

Premessa numero uno: cosa si intende per Seo copywriting?

La scrittura in ottica Seo (parte di quella che viene definita Seo On Page) non è altro che una scrittura buona, funzionale e che ha due obiettivi:

  • piacere ed essere utile alle persone a cui si rivolge;
  • ottimizzare la tua presenza sui motori di ricerca, lavorando sul posizionamento dei contenuti che crei e quindi del tuo come professionista.

 

Premessa numero due: per non sbagliare, punta a scrivere cose interessanti per il tuo pubblico. Ciò che piace alle persone piace ai motori di ricerca – detto così è molto semplificato, ma tienilo come regola base. Oggi infatti a contare sono soprattutto il livello qualitativo del testo e una forma di scrittura che sappia catturare il target.

Questo significa che il tuo scopro principale sarà creare contenuti di qualità, che aiutino in qualche modo chi li legge e che siano completi, comprensibili e facilmente fruibili.

 

Adesso vediamo alcuni consigli pratici per ottimizzare i tuoi testi in ottica di Seo copy.

 

1) Fai attenzione al titolo

Pensa per esempio al titolo degli articoli del blog. Per renderlo davvero efficace:

  • assicurati che sia chiaro: si capisce di cosa si parlerà?
  • Non esagerare con la lunghezza altrimenti verrà tagliato nelle anteprime: giusto per darti un criterio, il titolo di questo articolo conta 64 battute spazi inclusi;
  • se riesci, inserisci la parola chiave principale che hai scelto per il blog post – in questo caso è “Seo copywriting”.

 

2) Cura la scrittura

Più un testo è facile e piacevole da leggere, più le persone resteranno su quella pagina, più i motori di ricerca considereranno quel testo come di qualità.

Concretamente:

  • prediligi la semplicità: in base al pubblico a cui ti rivolgi, scegli un modo di scrivere e un linguaggio che siano comprensibili;
  • limita le frasi troppo lunghe: non dico di scrivere solo per haiku, ma i periodi chilometrici sono difficili da leggere e a Google non piacciono tantissimo;
  • stessa cosa per le subordinate: se una frase ne contiene tante, chiediti se non sia possibile spezzarla in due frasi diverse. Più brevi, più veloci, più comprensibili.

 

A proposito di scrittura, ti lascio un approfondimento: I piccoli errori da evitare quando scrivi

 

3) Sfrutta la formattazione

Per fare cosa? Per rendere più chiara, fluida e piacevole la lettura ma anche per assicurarti che i concetti principali non si perdano nella pagina.

Ricorda: l’occhio cade sui titoli (anche sui titoli di paragrafo), sui grassetti e sugli elenchi.

Leggi qui per imparare a formattare bene un articolo del blog.

 

4) Niente keyword stuffing

Il keyword stuffing è quella pratica per cui si riempie un testo con la parola chiave scelta per il posizionamento. Un tempo questo metodo premiava le pagine web, oggi per fortuna no (non è decisamente un indicatore di qualità del contenuto, non credi?). Anzi, se in un testo la parola chiave viene ripetuta tantissime volte, quel testo viene penalizzato a livello Seo.

Quindi: scegli bene le tue parole chiave e usale con criterio (e ricorda che al centro c’è sempre il contenuto).

 

5) Sfrutta i titoli di paragrafo

Come ti anticipavo parlando della formattazione, i titoli di paragrafo sono importantissimi:

  • da un lato perché attirano lo sguardo di chi legge;
  • dall’altro perché sono analizzati dai motori di ricerca, quindi se li usi inserendo parole chiave strategiche contribuiscono a far viaggiare meglio quella pagina sul web.

 

6) Ottimizza le referenze delle immagini

Anche le immagini che inserisci negli articoli – e in generale nelle pagine del tuo sito – contribuiscono al posizionamento.

Ci sono alcune azioni che ti consiglio di fare per ogni immagine che scegli di caricare (dopo averle adattate alla destinazione web assicurandoti che non “pesino” troppo):

  • rinominale: non chiamare il file jpeg ma dai un nome che sia “parlante”: servizio-wedding-planner.jpeg, piatto-azzurro-collezione-estate.jpeg, corso-online-uncinetto.jpeg;
  • per ciascuna scrivi il contenuto nella descrizione e nell’attributo alt – se il tuo tipo di impaginazione lo prevede, aggiungi anche la didascalia: questa sarà visibile anche a chi legge, mentre descrizione e attributo alt servono solo in ottica di posizionamento.

 

Detto così sembra molta roba ma ti assicuro che, una volta che ci prendi la mano, diventa facilissimo.

 

Se poi vuoi anche dedicare un po’ di tempo a migliorare i tuoi testi dal punto di vista della forma, iscriviti a Glow: è un percorso gratuito che in 7 giorni ti insegna a far brillare le tue parole.

 

(foto Sharon McCutcheon on Unsplash)

 

Per condividere l’articolo su Pinterest, clicca sull’icona rossa che trovi sotto le grafiche e scegli l’immagine che preferisci:

seo copywriting scrivere bene onlinecos'è il seo copywritingconsigli di seo copywriting