fbpx

Lavora sul contesto per avere un buon contenuto

testo e contesto. Nell'immagine, un collage: su sfondo verde, c'è una nuvola dalla quale cadono lettere dell'alfabeto in una mano a coppetta pronta a raccoglierle.

Lavora sul contesto per avere un buon contenuto

Scrivere bene non basta.

 

Creare un contenuto chiaro non è sufficiente a trasmettere un messaggio o a determinare un cambiamento, se quello stesso contenuto non ha un contesto intorno che aiuta le persone a comprenderlo e interpretarlo.

 

Per progettare e realizzare contenuti che trasmettano un messaggio preciso con una voce riconoscibile è fondamentale curare anche il contesto in cui il inseriremo.

Partiamo dalla definizione di Treccani:

 

Il contesto può essere definito in generale come l’insieme di circostanze in cui si verifica un atto comunicativo. Tali circostanze possono essere linguistiche o extra-linguistiche.

 

Il contesto, quindi, è ciò che circonda il testo:

  • la situazione in cui il messaggio viene emesso/ricevuto
  • la condizione emozionale e mentale in cui si trovano le persone a cui è destinato
  • il contesto socioculturale degli interlocutori
  • le frasi e le parole che precedono e seguono quello specifico messaggio
  • la forma (visibile, estetica) che hanno i vari elementi che compongono il contenuto

 

Tutti questi aspetti, insieme, danno un senso al testo. Aiutano lettori e lettrici a interpretarlo in un modo piuttosto che in un altro e lo fanno interagendo tra loro.

 

Cosa c’entra la Gestalt

La Gestalt è una corrente di studi psicologici che nasce in Germania a inizio Novecento. Il suo impianto filosofico si basa su un assunto: il tutto è diverso dalla somma delle parti.

Per esempio, osserva la figura qui sotto:

figura utilizzata per spiegare la teoria psicologiga della Gestalt. Osservandola percepiamo due triangoli che si intersecano ma in realtà la figura è formata a linee e forme tra le quali non c'è nessun triangolo. È la relazione tra gli elementi che ce li fa percepire.

Quello che percepisci saranno due triangoli, uno dentro l’altro. Eppure, nel disegno non c’è nemmeno un triangolo. Ci sono linee e forme che, viste nel loro insieme, nel loro “tutto”, interpretiamo come triangoli. Questo succede perché intervengono diversi princìpi che guidano la nostra percezione, tra cui l’esperienza che abbiamo di forme e triangoli.

 

Ma cosa c’entra la Gestalt con la comunicazione?

C’entra perché percepiamo i contenuti -e i testi- non solo interpretando parole e punteggiatura, ma anche in base al contesto in cui sono inseriti. Questo contesto è “il tutto” e incide su come interpreteremo quel messaggio, quel testo.

 

Come integrare testo e contesto per una scrittura efficace

Il contesto, quindi, è importantissimo per trasmettere il messaggio in modo corretto. Per far sì che venga interpretato come desideriamo. Per evocare una determinata azione, reazione o comportamento in chi lo leggerà.

 

Ma cosa intendiamo quando parliamo di contesto riferito alla scrittura?

Sono diversi gli elementi che lo compongono e che dobbiamo considerare quando progettiamo la comunicazione:

  • l’ecosistema di contenuti in cui inseriremo il testo. Ogni testo si relaziona con il resto della comunicazione che stiamo portando avanti, per questo è importante avere una mappa che ci guida, essere consapevoli della direzione generale che stiamo seguendo
  • l’identità narrativa e verbale della nostra storia. Ci sono diversi elementi che definiscono contenuti e parole come “nostri”: è ciò che li rende riconoscibili, è quella parte di contesto fatta di voce, tonalità e stile
  • la forma di quello specifico testo, la sua estetica, il modo in cui le frasi e le parole si dispongono nello spazio, mettendo in evidenza certi aspetti e facilitando o meno la lettura

 

Ma il contesto sei anche tu

Già, il contesto all’interno del quale il tuo testo si inserisce -e acquisisce un determinato significato- dipende anche dalla percezione che il tuo pubblico ha di te. In altre parole: dal tuo personal branding.

 

A seconda di come sei percepita dal tuo pubblico, anche i contenuti e i testi acquisiranno un significato piuttosto che un altro.

 

Se le tue persone da te si aspettano una scrittura ironica, è più facile che ciò che scrivi venga interpretato ironicamente, mentre lo stesso testo sarà percepito come serio -e magari provocatorio, arrabbiato- se scritto da chi nella propria comunicazione non fa mai uso di ironia e leggerezza.

Fai in modo, quindi, che i tuoi testi siano sempre coerenti con te, con la tua essenza. Che rispecchino il contesto identitario che hai creato per loro.

 

Lavora sulla tua identità e non dimenticare l’ecosistema in cui i tuoi testi vivranno.

È tutto collegato.

E sono i collegamenti tra le parti che creano una storia sensata, appassionante e riconoscibile.

 

Ps: qui trovi le guide gratuite che ho creato per aiutarti a progettare testi e contenuti capaci di dare coerenza e potenza alla tua storia. Buona esplorazione.