Valeria Zangrandi - scrittura, web e social | L’istinto è un supereroe con la super vista
Da ascoltare ogni volta che si può, soprattutto quando ci suggerisce di dire di no.
freelance, vita da freelance, insicurezze, istinto, ascoltare l'istinto, istinto e lavoro
22739
post-template-default,single,single-post,postid-22739,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-4.6,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.4,vc_responsive

L’istinto è un supereroe con la super vista

istinto, l'istinto nel lavoro

L’istinto è un supereroe con la super vista

Oggi ti voglio parlare di una cosa che secondo me è importante e che spesso nel mondo del lavoro non viene valorizzata abbastanza.

Signora mia, oggi parliamo dell’istinto.

 

L’istinto: cosa non è

Non è una bestia impazzita da rinchiudere in una gabbia, possibilmente coperta da un pesante drappo nero, sperando che si addormenti.

Non è una voce nella tua testa che devi fingere che non esista, che devi ignorare perché altrimenti chissà cosa ti fa fare.

Non è un cavallo spaventato che devi cercare di domare implorando che non ti faccia cascare a testa in giù dalla sella mentre corre chissà dove.

Certo che l’istinto a volte ci fa paura, anche perché può succedere che ci suggerisca di fare cose che si allontanano dalla nostra razionalità. Però è importante, sai. Importantissimo. E oggi non mi metterò a fare un luuungo elenco del perché è importante nella vita in generale, ma voglio raccontarti perché secondo me è importante nel nostro lavoro, a maggior ragione se siamo dei liberi professionisti e ci dobbiamo prendere tutta la responsabilità delle nostre scelte.

 

L’istinto ha la super vista

Ecco, invece di immaginarlo come una bestia impazzita o come una voce inquietante nella tua testa, prova a guardare l’istinto come se fosse un supereroe. Un supereroe piccino che però ha un potere grandissimo: quello della super vista.

Sì perché la maggior parte delle volte riesce a vedere cose che noi invece non vediamo, nemmeno se strizziamo gli occhi, perché la nostra parte razionale ha un po’ paura delle decisioni istintive e ci distrae o ci convince che no, quella cosa che sentiamo non va bene, non è sicura, non ha nemmeno troppo senso.

E invece di solito “quella cosa lì”, che poi è il suggerimento del nostro piccolo supereroe con la super vista, finisce per essere quella giusta da fare. Solo che nel frattempo l’abbiamo scartata.

 

Quando ascoltare i consigli del supereroe

In generale ti direi “ogni volta che puoi”, ma diciamo che ci sono alcune situazioni che hanno la priorità e che c’entrano con il rinunciare a quelle che sembrano opportunità e che invece sono trappole. Te le scrivo perché mi è capitato di trovarmici e, soprattutto le prime volte, di non aver ascoltato la voce dell’istinto, cosa che mi ha molto complicato la vita e mi ha fatto dire un sacco di parolacce.

Quindi:

  • quando ti propongono un lavoro che non è nelle tue corde
  • quando i contenuti o l’argomento di quel lavoro non ti convincono
  • quando con il potenziale cliente sembra che non ci sia il minimo feeling
  • quando non sai neanche perché ma senti la tua pancia urlare NO NO NO

 

Perché lo so che la razionalità ci porta a non rinunciare, perché una fattura in più è meglio di in meno, perché fa brutto se dico che non me la sento, perché come glielo spiego che secondo me finiremo per scannarci.

Il fatto è che il modo per dire di no si trova e di solito quando non lo facciamo finisce malissimo.

Poi certo, l’istinto vale anche per i sì ma lì facciamo meno fatica a lasciarci andare. I no sono difficili, ci sentiamo in torto perché ci sembra maleducazione. E invece il nostro piccolo supereroe con la super vista lo sa.

Fidiamoci. Giuro che ne vale la pena.

 

(foto Titouan on Unsplash)

Tags:
Non ci sono commenti

Lascia un commento