Valeria Zangrandi - scrittura, web e social | Dire, fare, origliare
Trovare nuove idee per scrivere non è semplicissimo, però ho imparato qualche trucchetto e adesso te lo racconto.
scrivere, comunicazione, scrivere per il web, copywriting, spunti, idee, ispirazioni
22146
post-template-default,single,single-post,postid-22146,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.2.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Dire, fare, origliare

come trovare ispirazioni e idee per le tue scritture

Dire, fare, origliare

Sono una che scrive tanto. Per lavoro ma non solo. Qui pubblico un articolo a settimana, poi ci sono i social, la newsletter e il mio blog personale, dove sono tornata dopo qualche mese di latitanza.

Ecco, trovare sempre idee nuove non è semplicissimo, però ho imparato qualche trucchetto e adesso te lo racconto.

 

Dappertutto | Spia, origlia, fatti raccontare

Lo so, detto così non suona benissimo ma quello che volevo dirti è che gli spunti arrivano dappertutto (dalle domande di chi ti segue, dalle richieste di preventivo più strane ma anche da situazioni non lavorative come una telefonata ascoltata per caso alla fermata dell’autobus). Il fatto è che, se non sei pronto a riconoscerli, finisce che li perdi per strada.

Ti faccio un esempio. Qualche mese fa ero in treno. Hai presente quando vorresti solo leggere avvolta dal silenzio e qualcuno continua a parlare ma tu hai dimenticato le cuffiette e quindi non puoi isolarti? Ecco, stavo messa così. E le ragazze vicino a me ovviamente chiacchieravano e a un certo punto ho sentito che parlavano di Facebook. O meglio, si lamentavano di un amico comune che le iscriveva continuamente a gruppi di cui, a loro, non fregava una beneamata cippa.

Eh ma uffa, io volevo leggere e queste parlano parlano parlano… Alt, fermi tutti: ma perché su questa cosa non ci scrivo un post? E infatti, eccolo qui.

 

Sempre | Quello che ti succede

E poi ci sono le cose che ti succedono. Quelle che ti succedono quando lavori o quando fai altro e anche qui spesso basta stare attenti per trovare idee per scrivere.

Te ne racconto qualcuna, di queste situazioni.

Un paio di mesi fa ho fatto una mini vacanza, no? Ecco, per poter star via qualche giorno senza lavorare ho dovuto organizzarmi e questo poi è diventato l’argomento di un articolo che ho pubblicato qui, te lo ricordi?

Oppure. C’è stato un periodo che avevo dei pensieri ricorrenti. C’erano alcune cose che mi giravano in testa, con un bel po’ di insistenza oltretutto e allora un giorno mi sono messa lì e ho detto “sai cosa, adesso ci faccio una ballata, con questi pensieri”. E infatti.

Ah beh, poi quest’anno mi sono tatuata! Che all’inizio era una cosa che proprio non collegavo al lavoro e poi però ci ho pensato su e ho capito che sì che c’entrava invece, perché a tatuarmi ho iniziato tardi, e anche a fare questo lavoro, però chissene, tante volte si inizia quando si inizia e allora l’ho raccontato in una newsletter.

 

E poi | Quaderno e penna in borsa

Capito cosa intendo quando dico che tutto può diventare uno spunto per trovare nuove idee?

Però ti racconto anche un altro segreto, che poi un segreto non è ma diciamo che è una buona ottima abitudine: ho sempre con me un quaderno e una penna. Perché no, non mi fido della mia memoria e sicuramente se penso “ehi ma quest’idea è fantastica e me la ricorderò anche tra 10 minuti” finirà che la sentirò evaporare come una gocciolina al sole e puff, niente più idea.

Quindi meno fiducia alle proprie capacità mnemoniche e più quaderni! Che poi i quaderni sono bellissimi, così c’è pure la scusa che “mi servono per lavoro”.

 

Quindi, pronti per trovare mille mila idee per le prossime scritture?

Non ci sono commenti

Lascia un commento