Valeria Zangrandi - scrittura, web e social | Caro 2019, ti scrivo. Come mi sto preparando per l’anno nuovo
Quaderni nuovi, parole ispiratrici, un progetto all'orizzonte e un sacco di entusiasmo.
planning, pianificare, pianificare il lavoro, parola dell'anno
22723
post-template-default,single,single-post,postid-22723,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-4.6,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.4,vc_responsive

Caro 2019, ti scrivo. Come mi sto preparando per l’anno nuovo

planning, pianificare il lavoro

Caro 2019, ti scrivo. Come mi sto preparando per l’anno nuovo

Manca meno di un mese e mezzo all’inizio del nuovo anno: lo senti il brivido? Quell’adrenalina da cose nuove in arrivo, quel profumo di potenzialità che sono lì ad aspettarti… uh, io sì. Con un po’ di ritardo, ad essere sincera, perché di solito tutto questo entusiasmo mi arriva a fine estate ma quest’anno no, si è fatto desiderare.

Però va beh, meglio tardi che mai, quindi festeggio la voglia di progettare (anzi, ri-progettare, perché ho buttato via tutto quello che ho pianificato tra agosto e settembre, riparto da zero) e ti racconto cosa sto facendo.

 

Ho deciso due cose importanti per il mio lavoro

Uno. Sto lavorando a un progetto a cui tengo tantissimo e che lancerò a inizio 2019, appena passate le vacanze. Ti ho già anticipato qualcosa raccontandoti come si cercano sempre nuove idee per un blog, piano piano ti svelerò tutto. Intanto però ti posso dire che ci sto mettendo un sacco di energie e tutta la mia creatività, perché voglio riuscire a trasmettertela, a insegnarti un metodo utile per allenare le tue idee. Aaahh, vorrei dirti tutto ma non posso… comunque arrivo presto, eh!

Due. Vorrei spostarmi un po’ fisicamente e organizzare qualcosa al di fuori dell’Emilia Romagna. Sono ancora indecisa sul tipo di incontro, saltello tra un corso tradizionale e un workshop di sole esercitazioni pratiche ma insomma, qualcosa ci sarà – anzi: se hai preferenze, dimmelo, che prendo appunti!

 

Sto cercando la mia parola guida

Eh sì, ci sto già lavorando. In realtà non è stata una decisione razionale, ma quando ho iniziato a pianificare – pardon, a ri-pianificare – ho avuto chiaro cosa voglio dal 2019 e mi è salito il bisogno di racchiudere questa necessità in una parola. Parola che potrei aver trovato, ma non sono ancora sicurissima che sia davvero lei, quindi per adesso la tengo per me: la lascio lì un pochino, la guardo, la ascolto e, se capirò che è quella giusta, te la racconterò il prima possibile.

Intanto però ti voglio dire cosa dovrà rappresentare, perché quello penso non cambierà – è un bisogno che si sta definendo sempre di più: crescere, migliorare, diventare ancora più riconoscibile. Fare un altro salto, insomma: se due anni fa c’è stato quello da finta partita iva a freelance, l’anno prossimo vorrei che il salto fosse quello della qualità. Allargare i confini e contemporaneamente definirmi.

Lo so, è una sfida bella grande, un obiettivo ambizioso che un po’ mi fa agitare perché so che non sarà facile ma non fa niente. Ho capito la direzione, voglio provare ad arrivarci.

 

Concretamente cosa sto facendo

Ho comprato un quaderno nuovo che racchiuda il planning per il 2019, i nuovi progetti, le linee guida della mia comunicazione. Sembra una cosa piccola e superflua ma ti assicuro che non lo è: quel quaderno mi dà fiducia, mi sembra lo strumento giusto per racchiudere il prossimo futuro. È una specie di talismano, ecco.

E poi ho iniziato a raccogliere in una nuova bacheca su Pinterest le immagini che rappresentano la mia idea di anno nuovo. In realtà ho iniziato quasi per caso, perché stavo cercando ispirazioni per un altro lavoro e mi è capitata sotto gli occhi una fotografia che mi ha fatto pensare “ehi, tu sei quello che vorrei per il 2019”. Così l’ho salvata e da lì sto cercando altre ispirazioni visive, che per me sono sempre una guida importante per lavorare bene.

 

Ecco, i miei passi verso il nuovo anno sono questi qui. Tu hai già iniziato a lavorarci?

Che sia una giornata di idee e voglia di futuro.

 

(foto Rawpixel on Unsplash)

Tags:
Non ci sono commenti

Lascia un commento